Filattiera : Arte, Storia, Cultura, Prodotti Tipici, Dove dormire, Dove mangiare, Cosa fare nella Provincia diMassa Carrara.



Comune di Filattiera

Comune di Filattiera

Filattiera : informazioni turistiche

Comune di origine medievale, con un economia legata non solo al settore agricolo, all'allevamento e all'artigianato ma anche ad attività industriali e di distribuzione. Appartiene al territorio della Lunigiana ed è bagnata dai fiumi Caprino, Monte e Magra.
Può contare su una buona rete di trasporti e collegamenti: raggiungibile tramite l'autostrada A 15 della Cisa (casello di Pontremoli a 7 km) e tramite la statale 62 del Passo della Cisa, è provvista anche di stazione ferroviaria sulla direttrice Parma-La Spezia. L'aeroporto si trova a 95 km, mentre per i collegamenti marittimi lo scalo più vicino è distante 35 km. Il pendolarismo e gli spostamenti determinati da esigenze di carattere burocratico-amministrativo sono diretti verso Fivizzano e Massa.
Il territorio è caratterizzato da un assetto territoriale che alterna tratti tipicamente montani ad altri tipicamente collinari.
Lo stemma attuale contiene una torre d'argento, elemento che si rifà chiaramente alla denominazione del luogo, proveniente dal termine "Fulacterion", torre di guardia del sistema difensivo bizantino. Benché si faccia risalire la sua fondazione all'XI secolo, pare che le sue origini siano databili all'epoca romana.
Verso l'anno 540, Belisario, generale dell'imperatore d'Oriente Giustiniano, decise di creare sul confine settentrionale di Luni uno sbarramento fortificato della valle, che impedisse ai Goti di scendere verso Roma, dando così probabilmente origine al primo nucleo abitato da cui è nata Filattiera.
Il nome di Filattiera potrebbe infatti derivare dal termine "Filacterion" o "Fulacterion", con il quale i bizantini indicavano le fortificazioni poste a sbarramento dei punti strategici di grande importanza, indicandone così l'origine nel tempo e i caratteri strutturali.
Sotto il dominio di Oberto I, appartenne ai Malaspina dal 1221 fino a che non fu venduta, nel 1549, all'allora granduca di Toscana, Cosimo I dei Medici.
Il borgo di Filattiera conserva intatto il primo insediamento del XIII sec.,con la chiesa castrense di San Giorgio e la Torre di avvistamento e, perfettamente leggibile, lo sviluppo del borgo dei secoli successivi con il castello malaspiniano, la chiesa, l'antico Ospedale di San Giacomo. Originatasi come centro signorile, Filattiera ha raggiunto l'attuale assetto territoriale nel 1865, quando le furono aggiunte le frazioni di Roccasigillina, Cavallana, Lusignana e Gigliana, staccate dal comune di Bagnone. Questo borgo offre un tipico paesaggio agricolo.
A fondovalle troviamo antichi terrazzi fluviali tutt'ora coltivati per la produzione di foraggio e di mais. Scavi nella zona hanno portato alla luce un insediamento romano tardoimperiale; il toponimo Filattiera sembra avere la sua origine nel termine greco "fulacterion", ovvero luogo fortificato, infatti il paese fu fortificazione bizantina, assieme a Filetto e, secondo alcuni, a Mulazzo, durante la guerra bizantino-longobarda. Sotto i Malaspina sorse, sulla collina di San Giorgio, un castello protetto da mura e dotato di torre centrale a protezione della via Francigena, a fianco del quale venne edificata lachiesa dedicata al canto omonimo, risalente al XII secolo.
Il "castello" di San Giorgio, conserva solo un'unica torre in pietra (oggi campanile), posta all'estremità sud-occidentale del borgo murato.
La Pieve di Santo Stefano a Sorano sita sul percorso dell'antica via Francigena. Dal punto di vista monumentale, si distinguono l'ex castello Malaspiniano della "Valle Bruglia", la chiesa romanica di Santo Stefano (sec. XI), la Torre di epoca bizantina, la pieve di Sorano e la chiesa, non datata, di S. Giorgio. Probabilmente a causa della sua posizione strategica, la Lunigiana, durante il periodo medioevale, sviluppò rapporti strettissimi con i territori confinanti della Liguria e della valle Padana; tali rapporti, che sussistono ancora oggi, la portarono a godere di una certa ricchezza sotto il profilo sociale e culturale. Sono testimonianza di tale vivacità, tra l'altro, le numerose residenze signorili che costellano il territorio comunale; la più caratteristica tra queste è Villa Buglia, meglio nota come "Il Castello": una costruzione ricca di elementi architettonici di chiara impronta medioevale, quali merlature, bifore, mura e fossati.
Da rilevare come nel corso dei secoli l'economia, da prevalentemente agricola, si sia gradualmente evoluta in agro-industriale, comportando, di conseguenza, una parallela trasformazione della società, inizialmente caratterizzata da un assetto di tipo rurale.  

.

.

.

.

.

.


torna su

 

La Realizzazione grafica e dei contenuti è stata curata da Media Marche
Provincia Massa Carrara - sistema d'informazione turistica della provincia non istituzionale.

Valid HTML 4.01 Transitional

Hotel, Agriturismi, Bed and Breakfast, Ristoranti, Pizzerie, prodotti tipici nel comune diFilattiera


Azienda Agrituristica nel Comune di Filattiera Tot: (1)  -  Casa Per Ferie nel Comune di Filattiera Tot: (1)  -  Ristoranti nel Comune di Filattiera Tot: (1)  - 

Hotel, Agriturismi, Bed and Breakfast, Ristoranti, Pizzerie nel comune di Filattiera

Il Mulino De' Briganti Casa Vacanze (Casa Per Ferie)  -  Locanda Antica Pieve (Ristoranti)  -  Mulino Moscatelli Agriturismo (Azienda Agrituristica)  -